Femminicidio: poteva succedere anche a me?

L’uccisione di Vania Vanucchi ci sconvolge e aggiunge un’altra vittima all’elenco delle dodici donne uccise a Lucca dal 2009 ad oggi per violenza di genere. Vogliamo parlarne? La Città delle Donne lunedì 8 agosto dalle 18,00 organizza l’incontro “Poteva succedere anche a me?” a Lucca all’ostello San Frediano.

poteva succedere anche a me?

Un luogo in cui uomini e donne si incontrano per condannare l’orrore, raccontare le emozioni, condividere le riflessioni e in parte informarsi su quanto si può fare e si sta facendo perchè tutto questo non accada.

Che nella nostra provincia il problema della violenza in famiglia sia reale lo dimostrano i dati dell’ultimo rapporto regionale sulla violenza di genere – dicono le organizzatrici – che indicano nella Asl di Lucca una delle aree toscane di maggiore accesso ai servizi del codice rosa, il percorso di pronto soccorso specifico per i casi di violenza, 746 negli ultimi due anni.”

Per rendere visibile la vicinanza alla famiglia si potrà costruire un fiore di carta che formerà un cuscino per Vania. “E’ un piccolo segno ma indica la partecipazione e la condivisione di questo lutto e l’impegno comune a costruire una cultura di rispetto e non di possesso.”

Facebooktwittergoogle_plusmailby feather

il grido delle madri dei desaparecidos

Martedì 10 maggio – GIORNATA DELLA MADRE

DÓNDE ESTÁN?

il grido delle madri dei desaparecidos

Lucca – sala Agorà ore 17:30

Libera Internazionale è fra le associazioni co-promotrici della Marcia per la Dignità Nazionale: Madri che cercano i propri figli e le proprie figlie e chiedono Giustizia e Veritàche si tiene ormai da cinque anni a Città del Messico, il 10 maggio, in occasione della Giornata della Madre.

Libera, che lo scorso anno ha promosso la campagna internazionale Pace per il Messico – Mexico por la Paz e che quest’anno sosterrà a distanza l’organizzazione antimafia messicana sua partnerRetono (Germoglio), ha chiesto che anche in Italia, nello stesso giorno della Marcia, venisse portato all’attenzione il dramma dei familiari dei desaparecidos nella guerra “invisibile” in cui da anni si trova il Messico per il dilagare delle mafie e della corruzione.

Per questo Presidio di Libera di Lucca, Centro DonnaAmnesty International e Città delle Donne, martedì 10 maggio, presso l’Agorà, alle ore 17:30, presenteranno alla cittadinanza storie di madri di desaparecidos insieme ad alcune storie di madri di vittime innocenti non messicane, perché la “memoria es sin fronteras“.

Facebooktwittergoogle_plusmailby feather